cerca un video

Eventi

Il download delle foto e video in questo sito è gratuito. Se si desidera utilizzarli per un sito/blog si è pregati di citare la fonte.

Associazione "Chiudiamo la Discarica Martucci": SI RICOMINCIA DAI NITRATI

Pin It

Lunedì 8 gennaio ricomincia un procedimento penale che pareva ormai chiuso e che il Giudice Diella ha voluto rivitalizzare in funzione di un arcano non ancora svelato: la presenza di valori fuori norma per i nitrati nelle zone adiacenti i corpi delle discariche. Si è chiesto come mai nel monitoraggio regionale delle ZVN (Zone Vulnerabili per Nitrati) per effetto delle attività agricole l’area di Martucci risulta esclusa, nonostante quei valori fuori limite. Per quanto riguarda la nostra Associazione, e non solo la nostra, tale argomento è stato sollevato in più sedi, politiche ed Istituzionali, fino a far nuovamente capolino nell’ultima conferenza stampa da noi promossa, con l’appoggio del Gruppo consiliare regionale di Articolo 1-MDP il 27 novembre dello scorso anno, nella quale tali dati fuori norma venivano ribaditi anche alla luce delle analisi che lo stesso CNR aveva effettuato per il Tavolo Tecnico Regionale (che sta lavorando lentissimamente – da oltre quattro anni – per indagini sull’area vasta di contrada Martucci).

Insomma, il Giudice si chiede, come pure noi avevamo più volte sottolineato, quei dati sono la spia di qualcosa d’altro? Se non rilevati come frutto di contaminazioni da fitofarmaci in agricoltura, da cosa sono generati? E queste risposte dovrebbero venir fuori dall’audizione dell’8 gennaio dei dirigenti del CNR e dell’ARPA Puglia. Ma noi insistiamo: c’è molto di più! Ci sono le evidenze della Relazione dei Periti d’Ufficio dell’incidente probatorio che dicono molte altre cose: sulle acque e sul fenomeno  di mutazione in atto; sulle tracimazione fuori degli argini di limitazione delle discariche; sulla riattivazione di percolato nel lotto 1, già dismesso e messo in sicurezza e poi svellato, e che non possiede alcuna protezione, né sul fondo e neanche sulle pareti laterali (tanto da aver fatto registrare un travaso nel lotto 3 e nella vasca B); l’interramento abusivo di rifiuti fuori dalle delimitazioni dei lotti autorizzati per il contenimento dei rifiuti e in un grande appezzamento fuori dal perimetro delle stesse discariche; la fuoriuscita di biogas da terreni ben distanti dalle discariche. Tutto ciò, a nostro avviso, richiede attenzione e approfondimenti non certo trascurabili per sostenere la tesi del disastro ambientale.
Mola, 4 gennaio 2018
                        Associazione “Chiudiamo la discarica Martucci”

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerca

.

2112209
Oggi
Ieri
Q. Settimana
S. Settimana
Q. Mese
S. Mese
Tutti i Giorni
1171
6824
19466
2048621
73077
203098
2112209

Your IP: 54.226.41.91
2018-01-17 06:48

Copyright © 2017. Moladibaritv

Testata Giornalistica " Vita Nuova"

Registrazione Tribunale n.1357 del 26.2.1998

Sede: Via G.B.Vico,24 70042 Mola di Bari | P.Iva 93393240721

SiteLock