cerca un video

Eventi

Il download delle foto e video in questo sito è gratuito. Se si desidera utilizzarli per un sito/blog si è pregati di citare la fonte.

Associazione "Chiudiamo la Discarica Martucci": PRESCRIZIONI E PROCESSO PER DISASTRO AMBIENTALE

Pin It

Com’era ben noto da lungo tempo, sin dalla richiesta di rinvio a giudizio del PM Baldo Pisani e del Procuratore Aggiunto Lino Giorgio Bruno dell’ormai lontano 26 maggio 2014, le prescrizioni per i diversi reati amministrativi avevano prescrizioni molto brevi, la prima delle quali cadeva (meglio sarebbe dire è caduta) già il 3 dicembre 2015 e le ultime due, capi n) ed o), ovvero illeciti amministrativi, arriveranno a termine l’anno prossimo, precisamente nel maggio 2019. Resta in piedi il solo reato penale del capo p), ovvero quello del disastro ambientale, con prescrizione decennale, alla quale vanno ad aggiungersi i tempi delle tante sospensioni dei termini che il buon GUP Diella ha già concesso per richieste dal sapore dilatorio delle difese degli imputati. È sostanzialmente questo il motivo per il quale da tempo la nostra Associazione ha abbandonato al suo destino tutti i reati amministrativi, concentrandosi totalmente sul filone penale del disastro ambientale, decisamente più utile ai nostri fini, ovvero quello di dimostrare le nostre tesi relative ai delitti consumati nei nostri territori e ai disastri tuttora in corso, perché mancano ancora i provvedimenti urgenti in materia di messa in sicurezza che da tempo andiamo invocando. Non si dimentichi, per altro, che quest’ultimo filone d’inchiesta è stato stralciato dal processo principale.

Tornando a quanto dicevamo, quindi, gioco facile per le difese degli imputati far scorrere il tempo e incassare così le prescrizioni: che, com’era ovvio, gli interessati hanno subito accettato. Ma, come dicevamo, la nostra battaglia continua sul fronte del disastro ambientale, dove con la nostra “capatosta” e con tanto impegno e sacrificio siamo riusciti a raddrizzare la barra e a ricominciare a navigare per la giusta rotta. Fuor di metafora, abbandonata la strada della difesa dei Comuni, senza più controlli e direttive, ci siamo rivolti ai difensori delle Parti Civili di Regione e Avvocatura dello Stato (per il Ministero dell’Ambiente) e, in coordinamento anche  con il legale di Legambiente, sono state anche, e finalmente, depositate memorie difensive. Per noi, gli unici, che abbiamo seguito il procedimento penale in ogni sua fase è già di per sé una vittoria: DATO PER CHIUSO A FAVORE DEGLI INDAGATI È STATO INVECE RIAPERTO. Così domani, lunedì  12 febbraio, si terrà l'udienza dibattimentale sugli argomenti e dati forniti dal Prof. Uricchio del CNR nell'udienza dello scorso 22 gennaio e si annunciano grandi contrasti e divergenze sul tema disputato dei nitrati. Noi sommessamente reputiamo che L'INERZIA AD INTERVENIRE IN UNA SITUAZIONE EMERGENZIALE, CON I LOTTI 1 e 3 NON MESSI IN SICUREZZA E LA CONSTATAZIONE, DERIVANTE DALLE STESSE INDAGINI DELLA MAGISTRATURA, DI RIPRODUZIONE DI PERCOLATO A DISPERSIONE NEI TERRENI E  DI INTERRAMENTI ABUSIVI DI RIFIUTI, SIANO DI PER SE' ELEMENTI DI PERICOLO INCOMBENTE E DISASTRO ANNUNCIATO.
E' NECESSARIO, PERCIO', CHE LA REGIONE INTERVENGA TEMPESTIVAMENTE E I LEGALI DELLE PARTI CIVILI SOSTENGANO CON FORZA QUESTE TESI NEL PROCEDIMENTO PENALE IN CORSO.
A questo proposito qualche giorno fa  abbiamo sollecitato nuovamente l'assessorato regionale all'ambiente a convocare URGENTEMENTE il Tavolo Tecnico Regionale, fermo da OLTRE NOVE MESI, nonostante nel vertice in Regione del 9 maggio 2017 (da noi fortemente voluto e ottenuto) erano stati assunti impegni urgenti per rifare alcune analisi a Martucci e si era stabilìta una "road map" della "rimodulazione /integrazione delle indagini già fatte" e "di riaggiornare il Tavolo entro 15 gg." per poter dare impulso a nuove indagini e, finalmente, giungere a decisioni finali in merito. Da allora, però, nulla è più accaduto e tutto ciò ha dello scandaloso. Purtroppo nei giorni scorsi una vicenda giudiziaria ha interessato il nostro interlocutore regionale, l'assessore all'ambiente Filippo Caracciolo, col quale eravamo in contatto ed ora siamo in fase di ricerca di un primo rapporto col nuovo titolare incaricato, l'assessore Raffaele Piemontese. Dopo l’udienza di lunedì ci ritroveremo in Associazione per fare il punto della situazione e magari organizzeremo una conferenza stampa.

Mola, 11 febbraio 2018
                        Associazione “Chiudiamo la discarica Martucci”

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerca

.

2271262
Oggi
Ieri
Q. Settimana
S. Settimana
Q. Mese
S. Mese
Tutti i Giorni
2708
7635
10343
2211890
104688
127442
2271262

Your IP: 54.167.29.208
2018-02-19 11:48

Copyright © 2017. Moladibaritv

Testata Giornalistica " Vita Nuova"

Registrazione Tribunale n.1357 del 26.2.1998

Sede: Via G.B.Vico,24 70042 Mola di Bari | P.Iva 93393240721

SiteLock