cerca un video

Eventi

Mola New Basket 2012

Geopharma, si chiude con una vittoria

Finisce con 2 punti l'avventura stagionale della MNB2012. Contro Santeramo arriva il successo numero 15 che consegna la parità assoluta tra vittorie e stop del roster guidato da coach Alba. Una vittoria che porta un sorriso dopo due settimane di riflessione per un obiettivo stagionale - i play off - svanito dopo la gara di Manfredonia e che ha lasciato col rammarico di aver perso qualcosa che probabilmente era alla nostra portata. La gara di ieri è stata l'occasione propizia per congedarsi col pubblico molese nel migliore dei modi, per concedere spazio sul parquet a chi nel corso dell'anno sportivo ne aveva ricevuto meno e per regalare minutaggio agli Under, per tanti di loro infatti la stagione non si chiude qui, ma continuerà nelle prossime settimane con i play off del campionato Under 20.

Con Santeramo si chiude una stagione troppo altalenante, senza play off.

Ultimo atto del campionato 2017-18, purtroppo. Quella di Domenica 8 Aprile sarà l'ultima gara per la Geofarma, niente appendice play off, niente possibilità di rendere questo mese pieno di suspense con la lotteria degli scontri diretti e sarà un vero peccato perchè quello che abbiamo visto sul parquet da Settembre fino a oggi è un roster che aveva con se tutte le carte in regola per fare la voce importante nelle gare post season. Una squadra capace di battere tutte le prime quattro della classe, di vincere dando spettacolo a Ceglie ad inizio torneo, di domare a metà percorso il Corato e di vincere al foto finish in una gara bandita ai deboli di cuore contro Monopoli, insomma di tarpare le ali durante l'anno alle tre squadre che domenica negli ultimi 40 minuti della stagione si giocheranno la vittoria del Campionato.  Una squadra capace però anche di perdere la bussola troppo spesso, e di non ritrovarla nel corso delle gare, esibendosi in performance troppo al di sotto del proprio standard,  come successo a Monteroni ad inizio percorso e come riaccaduto solo per citare l'ultimo episodio - quello che ha certificato l'impossibilità di raggiungere i play off - a Manfredonia, appena 10 giorni fa. Dunque un cammino costellato di sbalzi d'umore, di spine staccate e di quei classici alti e bassi da montagne russe che hanno impedito un finale, diciamolo, più consono alle reali potenzialità di questo roster.

Stop a Manfredonia, non c'è più tempo per i play off.

Niente play off per la Geopharma. Lo certifica la trasferta di Manfredonia, dove il roster di coach Alba subisce la quindicesima sconfitta stagionale che rende insufficiente anche un successo nell'ultimo turno casalingo con Santeramo l'8 Aprile per conquistare la nona posizione. 74-71 il finale per i dauni, al termine di una gara in equilibrio per la quasi totalità dei 40 minuti, ma che ha visto una squadra lontana da quella ammirata tre giorni prima contro Monopoli. Sicuramente le precarie condizioni fisiche di alcuni atleti e le poche ore tra un impegno e l'altro per il recupero hanno reso più complicata la trasferta, ma sono venute a mancare lucidità, quella grande voglia e quell'intensità, tutte armi assolutamente determinanti nel derby con la capolista.

Stavolta è grande MNB, la capolista Monopoli si inchina

"Chi va fino alla fine del suo cuore conosce la natura dell’uomo. Conoscere la propria natura d’uomo, significa conoscere il cielo." (Mencio)
Ieri sera il cielo lo abbiamo toccato, non con un solo dito, con le mani e lo abbiamo abbracciato stringendolo forte. Geopharma Mola 68 Action Now 67. Il capolavoro stagionale che arriva alla fine di un tunnel dal quale non riuscivamo a tirarci fuori. Lo abbiamo fatto ieri sera alle 19.47, riempiendo l'aria gelida di un Pala Pinto mai così gremito, di urla calorose e grondanti gioia. La gara della riabilitazione, della rinascita, la gara del cuore scavato e riportato alla luce, perchè il cuore dell'uomo è come il vestito del povero; è dove è stato rammendato più volte che è più forte.
"Bisogna che ciò che è umano fiorisca di nuovo. Ognuno di noi deve farsi giardiniere del proprio cuore." (Paul Brulat)
Novità, sofferenza, desiderio enorme di presentarci alla sirena davanti all'avversario. Queste le tre chiavi nella toppa della partita contro la capolista Monopoli. Novità nel provare a cambiare nel giorno di una sfida cruciale, Endzels in cabina di regia e Cordici subito in campo ad innalzare l'artiglieria pesante con Sherman, mosse che hanno disorientato l'avversario. Sofferenza, tanta sofferenza di ogni giocatore, nello stringere i denti, nel serrare le mascelle quando l'aria attorno si faceva più rarefatta ed il corpo rispondeva in ritardo agli stimoli della testa. E poi il desiderio, la fiamma sempre viva dentro il petto, il carburante nel motore. "Come una candela ne accende un’altra e così si trovano accese migliaia di candele, così un cuore ne accende un altro e così si accendono migliaia di cuori." (Lev Tolstoj)

MNB mai in gara, a Corato arriva il terzo stop di fila

E' una sconfitta pesante quella che si materializza sulla sirena di Corato. I padroni di casa continuano nella loro striscia vincente (arrivata a 5 ) e passeggiano contro la Geopharma, che nell'ultimo quarto tira i remi in barca, considerato il ritardo e forse preservando qualche giocatore in vista della prossima sfida con Monopoli. Finisce 100-62 per i nero verdi che complice lo stop della capolista Ceglie adesso sono a solo due punti dalla vetta, la MNB invece subisce l'aggancio da Monteroni e al momento sarebbe (per una questione di scontri diretti) fuori dalla griglia play off.

Cerca

.

3571946
Oggi
Ieri
Q. Settimana
S. Settimana
Q. Mese
S. Mese
Tutti i Giorni
340
7524
29025
3521707
70203
71700
3571946

Your IP: 54.166.207.223
2018-10-19 01:27