in ,

5 semplici consigli (che funzionano davvero) per purificare l’acqua del rubinetto

L’acqua del rubinetto viene consumata quotidianamente. È quindi sottoposto a un controllo sanitario continuo.

Tuttavia, a seconda della regione, può contenere alcuni elementi nocivi per la salute. Infatti, l’acqua del rubinetto può essere inquinata o contaminata da impurità e agenti patogeni che possono causare alcune malattie. Deve quindi essere filtrata. Diamo un’occhiata più da vicino ai metodi utilizzati per purificare quest’acqua.

Depurazione dell’acqua con carbone attivo

Chiamato anche binchotan, questo elemento è tradizionalmente usato dai giapponesi come purificatore dell’acqua. Il carbone attivo si ottiene dal legno di quercia essiccato e cotto a circa 400°C o dal bambù. Presentato sotto forma di bastoncini, attira e trattiene le molecole nocive che possono persistere nell’acqua del rubinetto. Questo lo rende un depuratore d’acqua estremamente efficace. Ma ha anche la capacità di trattenere i minerali presenti nell’acqua.

Per utilizzarlo, è sufficiente far bollire un bastoncino di carbone attivo in una padella per circa 10 minuti. Lasciare quindi asciugare prima di metterlo in una bottiglia o in una brocca. Lasciare agire il carbone per qualche ora prima di bere l’acqua. Si noti che un bastoncino di carbone attivo è adatto per un massimo di 2 litri d’acqua. Inoltre, può essere riutilizzato fino a 6 volte.

Il potere purificante delle perle di ceramica

Realizzate in argilla pura, le perle di ceramica contengono microrganismi purificanti. Hanno quindi un effetto diretto sulla costituzione dell’acqua di rubinetto, purificandola e sanificandola. Ma aiutano anche a riequilibrare il PH. Vengono utilizzati in particolare per eliminare il sapore sgradevole del calcare e del cloro trattenuto nell’acqua di rubinetto.

Per utilizzarle, immergere 15 perle di ceramica in una bottiglia o in una caraffa contenente 1 litro d’acqua. Lasciare agire per 30 minuti prima di bere l’acqua. In questo modo, oltre a ottimizzare il consumo di acqua, avrete un’acqua più pulita e più sana.

Utilizzo di un filtro per caraffa

Il filtro per caraffa serve a filtrare l’acqua del rubinetto per rimuovere le sostanze nocive. È dotato di una cartuccia che trattiene le impurità ed elimina i cattivi odori dall’acqua del rubinetto. Ma può anche trattenere residui di metalli e pesticidi.

È molto facile da usare: basta riempire la caraffa e bere l’acqua entro 24 ore dal filtraggio. Tuttavia, assicuratevi di cambiare la cartuccia almeno una volta al mese.

Optate per i semi di moringa

Alcuni studi hanno dimostrato che l’aggiunta di alcuni semi di moringa può ripulire l’acqua del rubinetto eliminando fino al 90% dei batteri. Questo perché i semi contengono proteine che si legano alle impurità e hanno un effetto depurativo.

Per farlo, macinare i semi di moringa in una polvere di 50 grammi per 1 litro d’acqua. Versare quindi la polvere fine in una bottiglia o in una brocca e lasciarla agire per 30 minuti. Infine, filtrare l’acqua.

Utilizzo di filtri per l’acqua

In commercio si trovano filtri per l’acqua da applicare al rubinetto. È il modo più pratico ed economico per depurare l’acqua del rubinetto eliminando il sapore e l’odore del calcare.

Per utilizzarlo, è sufficiente installare il filtro all’estremità del rubinetto. Si noti che la cartuccia deve essere sostituita ogni 3 mesi.

 

Valentina Trinca

Scritto da Valentina Trinca

Sono appassionato di parole, quindi diventare un editore web è diventato un obbligo. Non esito a condividere la mia opinione su tutti gli argomenti, inclusi animali, consigli quotidiani e notizie