in ,

Come potare e curare le ortensie per ottenere splendidi fiori in primavera?

Le ortensie sono piante bellissime che possono aggiungere colore e vita a qualsiasi giardino o paesaggio. Sono una scelta popolare per i proprietari di case, perché sono facili da mantenere e possono essere utilizzati per creare una varietà di effetti diversi. Per mantenere la salute e l’aspetto delle ortensie, è necessario potarle regolarmente.

Il momento migliore per potare le ortensie è l’inizio della primavera, prima che inizi la nuova crescita.

Affinché le ortensie fioriscano, è necessario fornire loro sole e acqua in abbondanza. È inoltre opportuno concimare una volta al mese.

Come si potano le ortensie (Hydrangea macrophylla)?

La potatura delle ortensie non è difficile, ma ci sono alcuni accorgimenti da tenere presenti. In primo luogo, è bene potare solo i rami morti o malati. In secondo luogo, è necessario tagliare i rami che si incrociano o si sfregano l’uno contro l’altro. In terzo luogo, è necessario tagliare i rami che crescono al di fuori dei confini. Infine, è bene sfoltire la pianta se diventa troppo densa.

1. Potatura di rami morti o malati

Rimuovere i rami morti o malati dall’ortensia con forbici affilate o cesoie. Assicuratevi di tagliare il ramo alla base, vicino al fusto principale.

2. Potare i rami che si incrociano o si sfregano l’uno con l’altro

Se avete un’ortensia con rami che si incrociano o si sfregano l’uno contro l’altro, dovreste potarli.

3. Tagliate i rami che sporgono troppo.

Se c’è un ramo che si allontana troppo dal fusto principale, bisogna tagliarlo. Se il corpo della pianta sembra troppo denso, non esitare a

I diversi tipi di ortensie

Esistono diversi tipi di ortensie, ognuno con le proprie caratteristiche. Il tipo più comune è l’ortensia a testa di scopa, caratterizzata da fiori grandi e rotondi. Un altro tipo comune è l’ortensia a testa di pizzo, che ha fiori più piccoli e un aspetto più delicato. Le ortensie possono essere classificate anche in base al loro colore: blu, rosa o bianco.

Quali sono le differenze di dimensioni tra le ortensie in vaso e quelle coltivate in piena terra?

Come molte piante e arbusti da giardino, le ortensie in vaso sono generalmente più piccole di quelle coltivate in piena terra. La differenza di dimensioni può variare a seconda della varietà di ortensia e dell’età della pianta. In generale, i consigli per la potatura rimangono invariati.

Che tipo di terriccio devo usare per le mie ortensie?

Le ortensie preferiscono un terreno ricco di materia organica e ben drenato. Un terreno con un pH compreso tra 6,0 e 7,5 è ideale. È possibile verificare il pH del terreno con un kit di analisi del terreno disponibile presso il centro di giardinaggio locale. Se il vostro terreno è troppo acido o troppo alcalino, potete regolarne il livello di pH aggiungendo o togliendo rispettivamente del calcare.

Per avere fiori bellissimi, concimate le ortensie una volta al mese

Per mantenere le ortensie al meglio, concimatele una volta al mese con un fertilizzante bilanciato. Assicuratevi di seguire le istruzioni riportate sulla confezione.

Indipendentemente dal tipo di ortensia, la potatura è una parte importante della cura.

Consigli per la potatura delle ortensie in video

 

La potatura dei rami morti o malati, la rimozione dei rami che si incrociano o si sfregano tra loro, la potatura dei rami che sporgono troppo dal fusto principale e lo sfoltimento della pianta se diventa troppo densa sono tutti elementi importanti per la manutenzione di questo arbusto da fiore.

Per ottenere fiori splendidi, concimate le ortensie una volta al mese con un fertilizzante bilanciato. Infine, assicuratevi di dare loro molto sole e acqua: fioriranno meravigliosamente!

 

 

Valentina Trinca

Scritto da Valentina Trinca

Sono appassionato di parole, quindi diventare un editore web è diventato un obbligo. Non esito a condividere la mia opinione su tutti gli argomenti, inclusi animali, consigli quotidiani e notizie