in ,

Lista di controllo: pulizia settimanale della cucina

La cucina è il cuore della casa e deve essere un luogo in cui ci si sente rilassati e a proprio agio quando si preparano i pasti per la famiglia. Tuttavia, la realtà è che la cucina può diventare rapidamente uno spazio disordinato e caotico se non viene mantenuta correttamente.

Nella maggior parte delle stanze della casa, si può decidere a colpo d’occhio (o annusando) se è necessario pulire. Gli odori di muffa o le superfici sporche in soggiorno o in corridoio non sono piacevoli, ma non hanno le stesse conseguenze. In cucina, ogni volta che qualcosa ha un cattivo odore, spesso attira gli insetti domestici. E, naturalmente, preparare i pasti in una stanza sporca non è mai una buona idea.

Non trascurate la pulizia della cucina anche se non avete tempo di pulire le camere da letto o il soggiorno ogni settimana. Sbarazzarsi di grasso e bricioleaiuterà a rendere il resto della casa più presentabile. Ma se volete che la vostra cucina sia davvero pulita e che lo sia in modo efficiente, utilizzate questa lista di controllo per la pulizia settimanale della cucina.

L’intera lista di controllo richiede circa un’ora in una cucina grande e meno tempo se la cucina è più piccola. Siete liberi di farlo tutto in una volta o di dividerlo in una o due sezioni per ogni giorno della settimana. In ogni caso, una volta terminata la pulizia della cucina con questa lista di controllo, potrete essere certi di aver fatto un lavoro accurato e di non aver dimenticato nulla.

Attrezzature e materiali necessari:

  • Una scatola o un sacchetto per raccogliere i rifiuti
  • Panni in microfibra
  • Spolverino di piume a manico lungo (opzionale)
  • Detergente multiuso
  • Detergente delicato
  • Detergente per finestre
  • Scopa o aspirapolvere
  • Mop
  • Detergente per pavimenti

I passi da seguire per pulire la cucina

1. Occuparsi della spazzatura e del disordine.

Prendete una borsa e raccogliete tutto in un’altra stanza. Mettere da parte il sacchetto fino al termine della pulizia. Poi mettete via le cose che giacciono sul bancone e che dovrebbero essere nei cassetti o negli armadi. Gettate via anche i rifiuti che trovate e continuate fino a quando il bancone e il tavolo non saranno vuoti.

2. Svuotare il lavandino.

Lavare i piatti o metterli in lavastoviglie. Non lavate ancora il lavandino: lo state solo svuotando per fare spazio al lavoro.

3. Pulire le aree polverose.

Prendete un piumino a manico lungo e usatelo sulle pale del ventilatore a soffitto, sulla parte superiore degli armadi e del frigorifero per scacciare i ragni, sulle lampadine delle luci a incasso e sui bordi delle finestre. Non cercate di rendere queste aree immacolate – si tratta più che altro di una pulizia superficiale – ma passate l’aspirapolvere per controllare la polvere.

4. Pulire le aree sporche.

Utilizzate un panno in microfibra e un detergente multiuso per pulire il tavolo e le sedie della cucina. Quindi pulire le ante dei mobili e i frontali dei cassetti, i frontali degli elettrodomestici, il piano cottura e la cappa aspirante. Eliminare eventuali fuoriuscite sul pavimento del forno. Assicuratevi di sciacquare spesso il panno per rimuovere la polvere e di cambiarlo se inizia a sporcarsi.

5. Pulire il piano di lavoro.

Tirate i piccoli elettrodomestici in avanti, puliteli su tutti i lati e poi passate un panno nell’area in cui di solito si trovano per rimuovere eventuali accumuli di grasso o polvere. Spruzzate e pulite anche gli interruttori della luce e le maniglie delle porte in cucina.

6. Pulire il microonde.

Rimuovere il giradischi, se ne avete uno, e lavarlo. Pulire quindi l’interno del microonde con un panno in microfibra umido e riposizionare il piatto rotante. (Ecco come pulire un microonde molto sporco se una semplice passata non è sufficiente).

7. Sbarazzarsi del cibo avariato.

Esaminate il frigorifero e buttate via gli avanzi, i prodotti avariati o gli alimenti che iniziano ad avere un aspetto o un odore sgradevole. Pulire eventuali fuoriuscite sui ripiani del frigorifero o sul pavimento. Questo è anche un buon momento per cambiare i tovaglioli di carta che rivestono i cassetti delle verdure e della carne.

8. Pulire il lavandino.

Anche una rapida pulizia del lavandino fa parte della routine di pulizia quotidiana. Se il vostro era pieno di stoviglie, ora che è vuoto, dovreste pulirlo rapidamente con acqua calda e sapone e un panno in microfibra. Strofinare con un detergente delicato fatto in casa per rimuovere le macchie.

9. Pulire le superfici in vetro.

Con un panno in microfibra e un detergente per vetri fatto in casa, lucidate l’interno delle finestre, le facciate dei quadri e tutte le altre superfici in vetro della stanza.

10. Portate fuori la spazzatura.

Se è una bella giornata, sciacquate il bidone della spazzatura all’aperto. Lasciatelo asciugare all’aria e il sole lo disinfetterà. Se il fondo del vostro bidone sembra spesso appiccicoso, provate a foderarlo con un vecchio giornale e a cospargerlo con uno strato di bicarbonato di sodio. La carta catturerà le gocce e il bicarbonato di sodio le assorbirà eliminando gli odori.

11. Pulire il pavimento.

La pulizia del pavimento della cucina è il passo finale per mettere tutto a posto. Raccogliete i tappetini o i tappeti, le sedie o gli sgabelli che sono d’intralcio. Usare uno spolverino a manico lungo per spazzare gli zoccoli, quindi passare la scopa o l’aspirapolvere. Infine, passate lo straccio sul pavimento con un detergente fatto in casa o con la vostra soluzione preferita e lasciate asciugare prima di rimettere tutto a posto.

 

 

Valentina Trinca

Scritto da Valentina Trinca

Sono appassionato di parole, quindi diventare un editore web è diventato un obbligo. Non esito a condividere la mia opinione su tutti gli argomenti, inclusi animali, consigli quotidiani e notizie