in ,

Molte persone pizzicano il basilico in modo errato e lo rovinano. Imparate a farlo correttamente!

Il basilico è una pianta resistente. Non è molto sensibile. Come si fa a pizzicare correttamente? Per saperne di più, leggete questo articolo.

Estate: tempo di basilico

Potete piantare il vostro basilico. È estate e potete iniziare a piantarla all’aperto, in giardino o in veranda. Il basilico preferisce il caldo e si trova meglio all’esterno che in cucina, sul davanzale della finestra. Potete anche trapiantare il basilico all’esterno non appena la temperatura si alza.

 

Voir cette publication sur Instagram

 

Une publication partagée par Giusy Cirigliano (@giusyc1984)

Provate altre varietà di basilico

Se vi piacciono le piante aromatiche, sappiate che esistono diverse varietà di basilico. Sono tutti aromatici e la loro resistenza varia da una varietà all’altra. Più il gambo è dritto e leggermente legnoso, più il basilico è forte.

Il basilico che si trova più spesso nei supermercati è il basilico vero (Ocimum basilicum).

Altre varietà possono essere seminate e piantate in casa, come il basilico santo (Ocimum sanctum), il basilico perenne (Ocimum gratissimum) o il basilico americano (Ocimum americanum) e molte altre.

Se siete principianti: provate piante più robuste

Per i principianti, si consiglia di coltivare piante resistenti. Sono in grado di resistere meglio alle fluttuazioni di temperatura e alla luce del sole.

Il basilico deve essere pizzicato

Come tutte le piante, il basilico ha bisogno di essere annaffiato regolarmente. È importante fornire i nutrienti necessari. Ma ha anche bisogno di essere pizzicato. Perché pizzicare il basilico? Lo scopo della pizzicatura è quello di far nascere nuovi germogli in modo che la pianta abbia una bella forma. Il basilico diventerà più spesso dopo la pizzicatura. Anche se non la mangiate, potate la pianta regolarmente.

Come si pizzica il basilico?

Pizzicare è molto semplice. È necessario osservare alcune regole.

Il primo è quello di non tagliare il fusto se è già legnoso. Scegliete gambi ancora teneri. Con l’esperienza, si può sentire con le dita se il gambo è tenero o già legnoso.

La seconda è la scelta del luogo in cui potare. Una volta scelto il fusto da potare, potete rimuovere il terzo del fusto appena sopra le foglie, dove vedete la nuova crescita. Questo è il punto di partenza per nuovi steli che renderanno la pianta più folta e cespugliosa. La pianta innesca la produzione di ormoni che accelerano la ramificazione da questa parte della pianta. Il gambo deve essere tagliato con uno scalpello affilato per ottenere un taglio netto. Naturalmente, bisogna fare attenzione a non danneggiare i nuovi germogli.

Ripetete l’operazione in ogni punto in cui vedete nuovi germogli e avrete una pianta molto densa.

Valentina Trinca

Scritto da Valentina Trinca

Sono appassionato di parole, quindi diventare un editore web è diventato un obbligo. Non esito a condividere la mia opinione su tutti gli argomenti, inclusi animali, consigli quotidiani e notizie