in ,

Orto: come coltivare le melanzane?

La coltivazione delle melanzane è un must se siete giardinieri dilettanti.

La melanzana è una coltura di stagione calda che vi piacerà mangiare e, come bonus, aggiunge molto interesse visivo al giardino con i suoi fiori viola e i suoi bellissimi frutti. La melanzana è imparentata con i pomodori e i peperoni. Quindi, se avete già coltivato l’uno o l’altro, avete già fatto un buon inizio. Se volete coltivare le melanzane nel vostro giardino, ecco tutto quello che dovete sapere.

 

Voir cette publication sur Instagram

 

Une publication partagée par Bea (@_bea61_)

Come piantare le melanzane?

Avviare i semi in casa seminandoli a ¼ di pollice di profondità in vaschette o vasi di torba.

Quando il rischio dell’ultima gelata primaverile è passato e le temperature diurne sono di 70°-75°F (60°-65°F di notte), collocate le piantine in buche distanti da 24 a 30 pollici in file distanti un metro. Se le temperature del terreno non sono ancora sufficientemente elevate, prima del trapianto utilizzate una coperta di plastica nera per riscaldare il terreno.

Subito dopo la messa a dimora in terra o in vaso, posizionate dei paletti alti 24 pollici a 1,5 cm da ogni pianta o utilizzate delle gabbie per fornire un sostegno ed evitare di disturbare il terreno o le radici in seguito. La melanzana cadrà quando sarà carica di frutta.

Dopo la semina, annaffiare abbondantemente. Aggiungete uno strato di pacciame per trattenere l’umidità e controllare le erbacce.

Se vivete in un clima freddo, prendete in considerazione l’utilizzo di mini tunnel per tenere le giovani melanzane al caldo e al riparo. Aprite le estremità dei mini tunnel nelle giornate calde, in modo che le api possano impollinare i fiori di melanzana.

Cosa fare durante la crescita?

Innaffiate bene per inumidire il terreno ad una profondità di almeno 15 centimetri, in modo che il terreno sia umido, ma mai fradicio. L’ideale è un’annaffiatura costante, con un tubo ad immersione o un sistema a goccia a livello del terreno.

Il periodo critico per l’umidità è quello dell’allegagione e dello sviluppo dei frutti.

Le melanzane dalla forma strana sono il risultato di un’innaffiatura insufficiente o non costante.

La pacciamatura può anche garantire un’umidità uniforme, conservare l’acqua e ridurre le erbacce.

Applicare un fertilizzante bilanciato ogni 2 settimane circa.

Si noti che un eccesso di azoto può portare a una crescita vegetativa eccessiva. Se si usa la pacciamatura di plastica, applicare il fertilizzante con l’irrigazione a goccia o applicarlo ai lati della fila.

Per ottenere frutti più grandi, limitatevi a cinque o sei per pianta, tagliando i fiori che si sviluppano in più.

Assicuratevi di picchettare le piante alte o di usare una gabbia per tenerle in piedi. Se coltivate le melanzane in contenitore, picchettate gli steli prima che si formino i frutti.

Per ottenere una pianta più cespugliosa, tagliate i punti di crescita terminali, ovvero i punti centrali di una pianta da cui spuntano nuovi germogli e foglie. Cercate le foglie più nuove e di solito più piccole al centro della pianta e tagliate il germoglio che vi si forma.

Le melanzane sono sensibili agli sbalzi di temperatura: notti fresche (sotto i 13°C) o giornate calde (sopra i 35°C) possono causare una scarsa fruttificazione. Coprite le piante nelle notti fredde e fornite ombra (ad esempio, un ombrello) nelle giornate calde e soleggiate. Anche il freddo influisce sulla maturazione.

Contenuti

Valentina Trinca

Scritto da Valentina Trinca

Sono appassionato di parole, quindi diventare un editore web è diventato un obbligo. Non esito a condividere la mia opinione su tutti gli argomenti, inclusi animali, consigli quotidiani e notizie