in ,

Quando e come piantare il rabarbaro in autunno?

Il rabarbaro è una pianta perenne che richiede poca manutenzione, facile da coltivare e incredibilmente resistente.

Come per la maggior parte delle piante, esiste un momento particolarmente adatto per piantare il rabarbaro. In questo articolo scoprirete quando e come piantare il rabarbaro nel vostro giardino o anche sul vostro balcone.

 

Voir cette publication sur Instagram

 

Une publication partagée par Giuliana Collino (@ilgiardinodipenny)

Quando piantare il rabarbaro?

Il rabarbaro può essere piantato tra settembre e aprile. Il rabarbaro può essere piantato in marzo/aprile o in settembre/ottobre. Tuttavia, il momento migliore per piantare il rabarbaro è l’autunno.

Se decidete di piantare in un altro momento, tenete presente che non deve essere fatto con il terreno ghiacciato. Se possibile, iniziate a piantare il rabarbaro quando il clima è più mite.

Inoltre, a meno che non siate disponibili ad annaffiare frequentemente, evitate di piantare il rabarbaro a metà estate. I periodi di siccità dovrebbero essere evitati del tutto.

Sebbene questa pianta non richieda molte cure, è possibile favorirne la crescita e la produzione collocandola nel punto ideale del giardino. Per esempio, coltivate il rabarbaro in un luogo soleggiato, tenendo conto delle condizioni ambientali. Se ciò non è possibile, una buona alternativa può essere l’ombra parziale.

Altri fattori cruciali a cui prestare attenzione se si vuole far crescere una pianta grande e sana sono l’umidità e la fertilità del terreno. Per questo motivo, in autunno è bene pacciamare la base delle piante con compost fatto in casa, letame ben tritato e foglie secche. Questo aiuterà anche a eliminare le erbacce.

Come piantare il rabarbaro?

Prima di iniziare a piantare, fate un piano e distanziate le piante di un metro. Create una buca di circa 40 cm di diametro e profonda 30-60 cm. Aggiungete quindi del compost o del letame di mucca, in modo che il rabarbaro abbia qualcosa da mangiare mentre si adatta al nuovo ambiente.

Inserite il pezzo di rabarbaro nella buca, con l’estremità del germoglio rivolta verso l’alto, per 10 cm nel terreno e coprite completamente la buca, quindi aggiungete 10 cm di compost.

A causa delle sue grandi foglie, il rabarbaro è una delle piante che sudano molto con il caldo e necessita di particolari attenzioni. Per questo motivo è meglio annaffiare in periodi di siccità o di caldo estremo. Inoltre, è meglio annaffiare la sera piuttosto che durante il giorno.

Una buona pacciamatura sul terreno aiuta a mantenere l’umidità per un periodo di tempo più lungo, consentendo di ridurre le annaffiature a una, anziché due. Per migliorare la ritenzione idrica nei fusti, assicuratevi di rimuovere le foglie. A causa dell’acido ossalico tossico che contengono, le foglie non sono commestibili.

Come raccogliere il rabarbaro?

Non si dovrebbero raccogliere le nuove piante di rabarbaro nella loro prima stagione di crescita. Ciò consentirà alla pianta di sviluppare steli sani e un buon apparato radicale.

Raccogliere gli steli raccogliendoli bassi al suolo e tirandoli con decisione nel secondo anno di sviluppo. Non tagliate gli steli in grandi zolle, perché ciò può favorire l’insorgere di malattie. Nel terzo anno si possono gustare i gambi di rabarbaro per ben 8 settimane.

Poiché i primi germogli in primavera sono i più teneri e meno amari, è meglio raccogliere in questo periodo. Inoltre, la raccolta avviene solitamente due volte l’anno, da aprile a settembre/ottobre.

Per prevenire afidi e vermi, tagliate le foglie grandi e ricavatene la purina di rabarbaro.

Al momento della raccolta, scegliete steli robusti e spessi, con un diametro di 3-4 cm. Strappatele alla base spezzandole invece di tagliarle. Per evitare che i piccioli si secchino, puliteli e conservateli in un luogo fresco.

 

 

 

Valentina Trinca

Scritto da Valentina Trinca

Sono appassionato di parole, quindi diventare un editore web è diventato un obbligo. Non esito a condividere la mia opinione su tutti gli argomenti, inclusi animali, consigli quotidiani e notizie